Psicoterapia

un grande atto di coraggio, di volersi bene

Studio Federica Paglialonga

 [PARMA]

E-Mail

f.paglialonga3@libero.it

(+39) 351 80 70 337

il mio approccio terapeutico è di tipo sistemico integrato:

nasce dai modelli sistemici relazionali integrando conoscenze teoriche e pratiche che consentano l’integrazione mente-corpo-contesto.

Dott.ssa Federica Paglialonga

Dott.ssa Federica Paglialonga

PSICOLOGA

Sono Federica Paglialonga e sono una psicologa iscritta all’albo degli psicologi dell’Emilia Romagna n. 8572 sez. A dal 26 gennaio 2017.
Mi sono laureata in Psicologia presso l’Università di Parma e frequento il terzo anno dell’Istituto di Psicoterapia Sistemica Integrata di Parma (IDIPSI).

Per me entrare nell’ambito clinico ha avuto il valore dell’incontro. Bambini, adolescenti, famiglie, persone con un dolore o relegate a essere un numero, un sintomo o un’etichetta.
Conoscere la loro storia e riprenderne in mano le fila è il mio modo di affrontare le problematiche, dando un nome a ogni individuo che palesa una difficoltà.
Sono entrata in contatto con contesti pubblici sanitari, sia a Galatina (Le) sia a Parma, in particolare con il servizio di Affido e Adozione, oltre ai reparti ospedalieri pediatrici, collaborando con la cooperativa sociale “Le mani parlanti” e lavorando sulle esperienze farmacologiche per il controllo del dolore e sulle dinamiche familiari.
A Parma mi sono specializzata nel sostegno psicologico delle famiglie e dei bambini con disturbi dell’età evolutiva presso il servizio della Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza.
Opero come psicologa nel dipartimento di salute mentale Ausl presso il Centro di consulenza e terapia della famiglia di Parma.

Servizi

Mi piace lavorare con ogni singola persona, mi piace percorrere la strada insieme per poi consentire ad ognuno di percorrere il proprio viaggio. Ho una valigetta con degli strumenti ma non posso decidere a priori, costruisco tutto insieme e su ogni singolo caso.

è un parere tecnico e professionale che offro a chi chiede un consiglio circa un problema, è un ascolto e una prima definizione del disagio. 

Riprendendo il significato della parola è un’azione di supporto e affiancamento al disagio e alla sofferenza psicologica.  Una modalità per ritrovare il benessere anche in situazioni sofferenti. 

Un percorso di psicoterapia è difficile da descrivere. Sfatati tutti i luoghi comuni sulla pazzia, credo sia un grande atto di coraggio, di volersi bene. 

Sono anche una psicologa in formazione riguardo la teatroterapia. Una terapia che unisce le tecniche psicologiche e quelle teatrali per raggiungere sia in gruppo sia singolarmente, contenuti difficilmente esprimibili solo con le parole.

Unisco le passioni al mio lavoro e spesso utilizzo, tra le tante tecniche a disposizione, anche le fiabe e la lettura come strumento che guida sia il terapeuta sia il paziente.

Aree di attività

Accolgo il disagio psichico e fisico, quello etichettato dalla malattia e quello intimo e profondo delle battaglie che silenziosamente ognuno o ogni famiglia affronta. Accolgo anche il disagio quotidiano quello chiamato comunemente stress, quello a cui è difficile dare un nome, quello delle quotidiane battaglie che si possono affrontare sul lavoro, a casa, in quanto figli o in quanto genitori. Il mio lavoro è anche dare voce a quel disagio che affrontano le persone quando diventano mamme e sono spaventate e travolte dagli eventi e non hanno tempo e spazio per raccontarsi. Accolgo la difficoltà nel diventare nuova famiglia… accolgo il coraggio che c’è nella sofferenza.

Cornice terapeutica:

Il mio approccio terapeutico è di tipo sistemico integrato: nasce dai modelli sistemici relazionali integrando conoscenze teoriche e pratiche che consentano l’integrazione mente-corpo-contesto. I sistemi di cui si parla sono le esperienze, i contesti nei quali ogni persona cresce e si forma in quanto tale. Per questo motivo conoscere una persona, significa per me e questo approccio, lavorare con le relazioni, con il concetto di famiglia, di coppia, cioè quelle relazioni che formano.

Terapia

Il lavoro terapeutico che mi piace concordare con le persone è concedere loro la possibilità di guardare la propria storia da una prospettiva differente, specie quando si è fossilizzati su prospettive che fanno male. Concedersi la possibilità di ascoltarsi, di dare voce al corpo che, talvolta, fatica ad esprimere i propri bisogni.

 

Terapia psicolgica, si o no?

News dallo Studio

Notizie e approfondimenti. Appuntamenti di crescita e riflessione da non perdere.

Richiedi una consulenza

Contatti

Dott.ssa Federica Paglialonga

[PARMA]

PRENOTA LA TUA CONSULENZA
IN PRESENZA O VIA SKYPE
f.paglialonga3@libero.it